Dislessia - Disturbi dell'Apprendimento - Scuola Materna - Psicologo Infantile Silvia Piva Bologna e Ravenna
    
 

Disturbi dell'Apprendimento

Dott. Silvia Piva

Psicologa Infantile a Bologna e Ravenna

Si occupa di disturbi dello sviluppo e dell'apprendimento
Per richiedere un
appuntamento
telefonare al
Tel.3776883330
WhatsApp
Bologna Via Perugino 9
Ravenna presso Osteolab
Piazza Caduti sul lavoro 9
Imola Presso Poliambulatorio Selice 102
Piazza Saragat 1

Dislessia

Cos'è?

La Dislessia è un disturbo di natura neuro funzionale presente sin dalla nascita. E' importante sottolineare che il bambino dislessico è un bambino intelligente con quoziente intellettivo (QI) nella norma, che presenta una difficoltà specifica con compromissione delle abilità di lettura lasciando intatte tutte le altre abilità cognitive. Il disturbo dell'apprendimento non dipende dalle condizioni socio economiche del bambino né dal tipo di insegnamento a cui è stato sottoposto. Il bambino dislessico ha un deficit che coinvolge esclusivamente l'abilità di lettura, non riesce ad automatizzare i processi sottosatanti la lettura perciò legge lentamente rispetto ai coetanei con notevoli errori. Quando i compagni di classe hanno già avviato i primi processi di lettura per cui leggono seppur lentamente in modo fluido, il bambino dislessico non ha ancora avviato alcun processo di lettura. La lettura non si automatizza pertanto il bambino dislessico necessita di tutto il suo impegno ed attenzione per leggere rendendo la sua lettura lenta, faticosa e scorretta. Il bambino dislessico progredisce con una velocità di lettura di sillabe al secondo per anno che corrisponde alla metà di un normolettore.

Cose si esegue la diagnosi

La diagnosi di dislessia può essere fatta solo alla fine della seconda elementare quindi dopo che siano trascorsi due anni di insegnamento completo. La valutazione degli apprendimenti del bambino è un'indagine specifica delle sue abilità eseguita tramite test specifici standardizzati. Durante i primi due anni di scuola elementare è comunque possibile effettuare un'indagine sui prerequisiti sottostanti la lettura e potenziarli se risultano deficitarii.

Trattamento

E' possibile trattare la dislessia attraverso sedute di potenziamento costruite nello specifico per il bambino dislessico , il potenziamento delle abilità di lettura ha la funzione di migliorare la velocità di lettura e la correttezza anche se trattandosi di un disturbo dell'automatizzazione, la lettura potrebbe sempre risultare lenta rispetto alla media. E' importante però raggiungere una velocità di lettura che consenta al bambino di studiare in maniera autonoma.

Strumenti Compensativi

Gli strumenti compensativi sono un diritto del bambino dislessico in ambito scolastico ed hanno la funzione di supportarne l'abilità deficitaria . Per la dislessia esistono numerosi programmi per il computer che eseguono una sintesi vocale del testo in modo da aiutare il bambino nello studio. Questi programmi danno la possibilità al bambino di costruire mappe mentali con immagini e di creare brevi sequenze di contenuti di testo da un brano intero. L'utilizzo del computer e delle sintesi vocali può rappresentare un supporto adeguato allo studio del bambino. Possono inoltre essere attuate forme di verifica personalizzate.

Strumenti Dispensativi

Il bambino dislessico deve essere dispensato da alcune attività che chiaramente non può portare a termine come i compagni se non con elevati livelli di frustrazione. Il bambino dislessico è dispensato dalla lettura ad alta voce in classe, ha diritto ad un tempo maggiore nell'esecuzione di compiti in classe e di una loro chiara esposizione. Può essere esonerato dalla lingua inglese.

Richiedi un Appuntamento

Manda subito una mail alla dotteressa e richiedi un appuntamento.

Richiedi subito un appuntamento
Fai la tua domanda alla dottoressa

Se non trovi una risposta ai tuoi dubbi invia una mail alla dottoressa.

Fai una domanda
Richiedi una valutazione degli apprendimenti
se state pensando di separavi e vi serve aiuto




Altri disturbi dell'infanzia








RSS FeedRicevi subito le nuove risposte della Dottoressa